Da poco si sono conclusi gli Internazionali 2015, che hanno visto il trionfo di Novak Djokovic per il tabellone maschile e Maria Sharapova per quello femminile. Vince il tennista più forte del pianeta, che è riuscito nell’impresa di diventare un dominatore nell’epoca dei Federer e dei Nadal. Le cifre del serbo sono sempre più impressionanti ( in alcuni casi sono migliori di quelle del Federer degli anni d’oro ).

RISULTATI

screenshot-www.internazionalibnlditalia.com 2015-05-26 12-56-15 (1)

La finale ho visto fronteggiarsi Djokovic e Federer. Nel punto più importante della partita, i due hanno giocato uno scambio di 20 colpi, condotto e poi chiuso da una progressione del serbo. In quel momento si è capito come sarebbe finita. E le sensazioni sono state immediatamente confermate. Una vittoria dedicata ai suoi cari, questa di Roma, come si evince dalle sue parole: “Alla mia famiglia, i miei genitori, mio fratello, mia moglie e mio figlio. Non ci vediamo spesso. Non vedo l’ora di unirmi a loro e stare insieme qualche giorno prima di andare a Parigi”.

federer

Ha poi ricevuto il trofeo dal Ministro per le Riforme Costituzionali e per i rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi, presente sul palco della premiazione insieme ad Angelo Binaghi e Giovanni Malagò.

djokovic

Sul fronte femminile, la russa Maria Sharapova trionfa per la terza volta (dopo il 2011 e 2012) agli Internazionali. A renderle merito, l’altra finalista, Carla Suarez. Raggiante, in conferenza stampa ha ringraziato tutti, in particolare il pubblico romano che ama particolarmente. Ammette di essere molto soddisfatta per la vittoria contro la Suarez, con cui ha giocato una finale davvero combattuta: ” Lei è una giocatrice a tutto campo davvero forte […] All’inizio non ho risposto bene e lei ha conquistato sul suo servizio alcuni punti che invece avrei dovuto vincere io. Questo mi ha aiutato a capire cosa dovevo fare ed è stato utile soprattutto nel terzo set”.

Maria-Sharapova1-800x450

L’edizione 2015 ha avuto un record di presenze e di incassi: con 193.940 spettatori paganti agli Internazionali BNL d’Italia 2015, è stato superato il dato relativo all’edizione 2014 ( con 175.697 biglietti venduti). L’incasso è stato di 9.634.511 euro, quasi due milioni di euro in più rispetto alla passata edizione.

Tuttavia nella tradizionale conferenza stampa di chiusura degli Internazionali, si è ventilata l’ipotesi dello spostamento di sede degli Internazionali per i prossimi anni: ormai sarebbe auspicabile soprattutto per le dimensioni importanti e sempre in crescita che fanno di un torneo storico, un evento in ascesa. Un cambio di sede sarebbe utile per poter crescere senza i vincoli che la storia e la conformazione del Foro Italico impongono… Sono di tale avviso il presidente CONI Giovanni Malagò, e il Presidente FIT Angelo Binaghi.

Ha chiuso Nicola Pietrageli, il cui intervento è stato incentrato su un pizzico di malinconia. “Mi sento un po’ un genitore del Foro Italico, l’ho visto nascere e crescere. Posso dire che oggi è uno dei tornei più belli del mondo. E mi ha colpito il fatto che molti giocatori volessero giocare proprio lì. Quando giocava Fognini, ho visto moltissime persone sull’ultima fila del Centrale per vedere cosa succedeva sul Pietrangeli. Lo devo dire: se il torneo si dovesse trasferire, dovete trovare un modo per trasportare il mio campo”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

10 − 6 =